LA STARTEGIA COMBINATA: UN NUOVO APPROCCIO PER LE MALATTIE GENETICHE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE

https://www.telethon.it

Grazie allo sviluppo delle terapie oggi siamo in grado di trasformare alcuni virus in trasportatori in grado di fornire una versione funzionante di geni altrimenti difettosi e responsabili di specifiche malattie. Nonostante ciò, non tutte le malattie genetiche sono ugualmente affrontabili con la terapia genica: in particolare, per le patologie del sistema nervoso centrale non è ancora possibile un intervento diretto poichè il cervello, dotato di una barriera naturale, risulta difficilmente accessibile.

Uno dei casi che ha avuto successo è quello della terapia Libmeldy®, indicata per il trattamento della leucodistrofia metacromatica. In questo caso però, l’intervento viene eseguito sulle cellule staminali ematopoietiche del paziente che vengono estratte, ingegnerizzate e reinfuse. In seguito alla reinfusione, per il processo infiammatorio causato dalla malattia, le cellule staminali ematopoietiche vengono richiamate al cervello dove portano la copia del gene corretta e preservano dalla degenerazione.

Questo approccio però non è sempre applicabile. Alcune patologie genetiche, infatti, hanno un decorso rapidissimo e il trapianto di cellule staminali non riesce a ripristinare le funzioni per tempo. Per questo motivo, un gruppo di ricercatori dell’Istituto San Raffaele-Telethon per la terapia genica (SR-Tiget) di Milano, guidato dalla Dott.ssa Gritti, sta studiando da anni una strategia che combina il trapianto di cellule staminali con la somministrazione dell’enzima funzionante direttamente nel cervello, tramite l’utilizzo di una terapia genica in-vivo.

I risultati dei test su modello murino della gangliosidosi di Sandhoff, pubblicati sul Molecular Therapy – Methods & Clinical Development, mostrano che la strategia combinata porta ad un netto vantaggio rispetto ai singoli trattamenti: la terapia genica fornisce immediatamente l’enzima mancante o malfunzionante dando il tempo alle cellule staminali ematopoietiche di arrivare al cervello ed espletare la loro funzione.

Questo approccio potrebbe essere prezioso e cruciale per questa grave patologia – e per tutte le patologie a decorso rapido – ma servirà più tempo e nuovi approfondimenti per capire se sarà realmente in grado di cambiare la storia naturale della malattia.

In Evidenza

Z

NEWS

i

DOCUMENTI

01.11.2021 - Scarica la nuova edizione del report ATMP FORUM

22.02.2022 - Le terapie CAR-T in Italia: sfide ed evoluzione del contesto organizzativo

EVENTI

w

INTERVISTE

ATMP FORUM ha intervistato i Relatori dell’evento “PRESENTAZIONE DEL QUARTO REPORT ITALIANO SULLE ATMP” del 19 Ottobre 2021

Scopri di più ›


ATMP FORUM AWARD ha intervistato i RICERCATORI ITALIANI che hanno partecipato al Bando del SECONDO ATMP FORUM AWARD, presentando un Progetto di Ricerca in ambito ATMP

Scopri di più ›


ATMP FORUM ha inziato un approfondimento nel mondo delle ATMP attraverso interviste dedicate agli esperti nel settore delle terapie avanzate in Italia.

Obiettivo è fare il punto sullo scenario attuale e futuro delle ATMPs in Italia: nuovi progetti di ricerca? Nuove speranze per i malati?

Scopri di più ›