UPSTAZA®: POSITIVE OPINION DELL’EMA PER ELADOCAGENE EXUPARVOVEC, LA PRIMA TERAPIA GENICA PER L’AADC

https://www.ema.europa.eu

Il 19 maggio 2022, il Comitato per i Medicinali per uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha adottato un parere positivo, raccomandando il rilascio di un’autorizzazione all’immissione in commercio in circostanze eccezionali per eladocagene exuparvovec (nome commerciale: Upstaza®), destinata al trattamento del deficit di decarbossilasi degli L-aminoacidi aromatici (AADC), un disturbo genetico neurometabolico molto raro e grave, associato a manifestazioni cliniche legate alla sottoproduzione di serotonina e dopamina, come ipotonia, ipocinesia, ptosi, crisi oculogire e segni di disfunzione autonomica.

Upstaza®, la prima terapia avanzata di PTC Therapeutics, è una terapia genica in vivo che utilizza un vettore virale adeno-associato di tipo 2 (AAV2) per veicolare il gene della L-aminoacido decarbossilasi aromatica umana (hAADC) nelle cellule nervose dove corregge il difetto, aumentando l’AADC e i neurotrasmettitori, come dopamina e serotonina.

L’opinion ora sarà inviata alla Commissione Europea per l’adozione di una decisione sull’autorizzazione alla commercializzazione in tutta l’Unione Europea.

In Evidenza

Z

NEWS

i

DOCUMENTI

01.11.2021 - Scarica la nuova edizione del report ATMP FORUM

22.02.2022 - Le terapie CAR-T in Italia: sfide ed evoluzione del contesto organizzativo

EVENTI

w

INTERVISTE

ATMP FORUM ha intervistato i Relatori dell’evento “PRESENTAZIONE DEL QUARTO REPORT ITALIANO SULLE ATMP” del 19 Ottobre 2021

Scopri di più ›


ATMP FORUM AWARD ha intervistato i RICERCATORI ITALIANI che hanno partecipato al Bando del SECONDO ATMP FORUM AWARD, presentando un Progetto di Ricerca in ambito ATMP

Scopri di più ›


ATMP FORUM ha inziato un approfondimento nel mondo delle ATMP attraverso interviste dedicate agli esperti nel settore delle terapie avanzate in Italia.

Obiettivo è fare il punto sullo scenario attuale e futuro delle ATMPs in Italia: nuovi progetti di ricerca? Nuove speranze per i malati?

Scopri di più ›